Abiti a Napoli e sei infastidito dalla presenza di topi? Sicuramente avrai pensato di estinguere il problema posizionando in punti strategici piccole trappole con relative esche. Potrebbe essere una soluzione … Forse. Di certo non è la strategia più sicura ed efficace che si possa adottare.

Perché non si può debellare il problema con metodi “fai da te”?

È molto importante proteggere il proprio ambiente dall’invasione dei topi, in quanto potrebbero causare danni alle strutture del proprio ambiente o essere portatori di malattie.

Quindi possiamo suddividere i problemi causati dai ratti in due categorie, ovvero: danni recati alla salute dell’uomo e danni recati all’ambiente.

In passato questi roditori hanno seminato morte in tutto il mondo, ricordiamo principalmente la peste, causa principale di morte dal XIV secolo fino al XVI secolo (ricordata in quel periodo come “Peste Nera”).

Tra i danni recati all’uomo quindi possiamo citare alcune malattie che sono di varie origini per esempio la rabbia o l’influenza (di origine virale), la peste o la salmonellosi (di origine batterica), sporotricosi o istoplasmosi (da funghi), infine trichinosi o tifo murino (di origine parassitaria). Tutte queste malattie sono potenzialmente trasmissibili all’uomo tramite il rilascio da parte dei ratti di peli, escrementi e urina.

È stimato che solo nella città di Napoli ci sono all’incirca 10 milioni di topi. Immagina quanti peli ed escrementi possono rilasciare.

Gli incisivi forti, privi di radici e in continua crescita portano i ratti a rosicchiare qualsiasi cosa gli capiti tra i denti. Non lo fanno per il mero gusto di farlo. C’è una motivazione più che valida dietro a questa azione. Si perché nell’arco di un mese i denti del topo crescono di circa 1 cm.

I danni che possono recare all’ambiente sono molti e possono essere anche molto gravi. Difatti i ratti possono provocare incendi rosicchiando i cavi degli impianti mandandoli in corto circuito.

A proposito di incendi c’è un dato importante da segnalare: nei casi di incendi di origini ignote viene attribuita la colpa ai ratti, che secondo le statistiche interferiscono dal 5% al 25% dei casi.

Oltre a causare incendi, essi possono provocare danni ai campi agricoli. Inoltre distruggono legno, cartongesso, plastica, metallo e altro ancora.

Cosa stai aspettando: effettua una derattizzazione a Napoli con la nostra ditta!

Please rate this